Avviati a Carmagnola i lavori di pulizia e manutenzione della zona intorno al campo sportivo di via Roma

Cop.

I beneficiari del progetto Altra Meta, in collaborazione con il  Comune di Carmagnola, si sono impegnati nei lavori di tinteggiatura del muro esterno del campo sportivo di via Roma e di pulizia della zona circostante. La manutenzione, svolta durante il mese di agosto, è inserita nell’ambito dei lavori di restituzione, da parte dei richiedenti asilo, nei confronti della comunità che li ospita.

(continua…)

Fotogallery Acc, In evidenza, Solidarietà » Commenti disabilitati

Come scrivere un racconto (e salvarsi la vita)

Un laboratorio di scrittura creativa
AMULETI E PARACADUTI ~ da ottobre a dicembre 2016
IL GENIO NELLA SCATOLA ~ da gennaio a maggio 2017

Un laboratorio di scrittura creativai

AMULETI E PARACADUTI ~ da ottobre a dicembre 2016

IL GENIO NELLA SCATOLA ~ da gennaio a maggio 2017

IL CORSO ~ Immagina di essere in pericolo. Immagina che sia questione di vita o di morte. E che l’unico modo che hai per metterti in salvo sia scrivere un racconto. Immagina che i tuoi amuleti stiano tutti in una cassetta degli attrezzi e abbiano a che fare con personaggi, incipit, punti di vista. Immagina che con te corrano tutti i grandi scrittori del passato ma, soprattutto, quelli del presente.

(continua…)

Corsi, In evidenza » Commenti disabilitati

Gli appuntamenti del Gruppo di Lettura per la nuova stagione!

Cari Lettori di “Tra Me da leggere”,
buon agosto a tutti!

letture

Cari Lettori di “Tra Me da leggere”, buon agosto a tutti!
(continua…)

Libri e autori » Commenti disabilitati

-CASA- di Warsan Shire

Nessuno lascia la propria casa a meno che
casa sua non siano le mandibole di uno squalo
verso il confine ci corri solo
quando vedi tutta la città correre
i tuoi vicini che corrono più veloci di te
il fiato insanguinato nelle loro gole
il tuo ex-compagno di classe
che ti ha baciato fino a farti girare la testa dietro alla fabbrica di lattine
ora tiene nella mano una pistola più grande del suo corpo
lasci casa tua
quando è proprio lei a non permetterti più di starci.
Nessuno lascia casa sua a meno che non sia proprio lei a scacciarlo
fuoco sotto ai piedi
sangue che ti bolle nella pancia
non avresti mai pensato di farlo
fin quando la lama non ti marchia di minacce incandescenti
il collo
e nonostante tutto continui a portare l’inno nazionale
sotto il respiro
soltanto dopo aver strappato il passaporto nei bagni di un aeroporto
singhiozzando ad ogni boccone di carta
ti è risultato chiaro il fatto che non ci saresti più tornata.
Dovete capire
che nessuno mette i suoi figli su una barca
a meno che l’acqua non sia più sicura della terra
nessuno va a bruciarsi i palmi
sotto ai treni
sotto i vagoni
nessuno passa giorni e notti nel ventre di un camion
nutrendosi di giornali a meno che le miglia percorse
non significhino più di un qualsiasi viaggio.
Nessuno striscia sotto ai recinti
nessuno vuole essere picchiato
commiserato
nessuno se li sceglie i campi profughi
o le perquisizioni a nudo che ti lasciano
il corpo pieno di dolori
o il carcere,
perché il carcere è più sicuro
di una città che arde
e un secondino
nella notte
è meglio di un carico
di uomini che assomigliano a tuo padre
Nessuno ce la può fare
nessuno lo può sopportare
nessuna pelle può resistere a tanto
Andatevene a casa neri
rifugiati
sporchi immigrati
richiedenti asilo
che prosciugano il nostro paese
negri con le mani aperte
hanno un odore strano
selvaggio
hanno distrutto il loro paese e ora vogliono
distruggere il nostro
le parole
gli sguardi storti
come fai a scrollarteli di dosso?
Forse perché il colpo è meno duro
che un arto divelto
o le parole sono più tenere
che quattordici uomini tra
le cosce
o gli insulti sono più facili
da mandare giù
che le macerie
che le ossa
che il corpo di tuo figlio
fatto a pezzi.
A casa ci voglio tornare,
ma casa mia sono le mandibole di uno squalo
casa mia è la canna di un fucile
e a nessuno verrebbe di lasciare la propria casa
a meno che non sia stata lei a inseguirti fino all’ultima sponda
a meno che casa tua non ti abbia detto
affretta il passo
lasciati i panni dietro
striscia nel deserto
sguazza negli oceani
annega
salvati
fatti fame
chiedi l’elemosina
dimentica la tua dignità
la tua sopravvivenza è più importante
Nessuno lascia casa sua se non quando essa diventa una voce sudaticcia
Che ti mormora nell’orecchio
Vattene,
scappatene da me adesso
non so cosa io sia diventata
ma so che qualsiasi altro posto
è più sicuro che qui.

Mix_spot_Warsan Shire, rifugiati

Nessuno lascia la propria casa a meno che

casa sua non siano le mandibole di uno squalo

(continua…)

Equo e solidali, Solidarietà » Commenti disabilitati

La mia lettera ai fratelli musulmani: denunciamo chi sceglie il terrore.

mos

L’appello di Tahar Ben Jelloun. “Dobbiamo scendere in massa nelle piazze e unirci contro Daesh”. “Non abbiamo bisogno di obbligare le nostre donne a coprirsi come fantasmi neri”.

(continua…)

Attualità, In evidenza » Commenti disabilitati

Novecento con variazioni Lezione-Concerto sul Novecento a cura di Gabriele Montanaro

Diff

Un interessante evento, Giovedì 28 luglio, ore 20,30 – Polo del ‘900, via del Carmine 14 a Torino, a cui Tra Me parteciperà. Una lezione-concerto sui temi legati al ‘900.

Giovedì 28 luglio, ore 20,30 – Polo del ‘900, via del Carmine 14.

(continua…)

In evidenza, Incontri, Musica » Commenti disabilitati

L’Estate Ragazzi di Tra Me!

Laboratori di teatro, pittura, giardinaggio e molte altre attività per i ragazzi dell’Estate Ragazzi organizzato da Tra Me!

4

(continua…)

Estate ragazzi, Fotogallery ragazzi » Commenti disabilitati

La misera accoglienza dei ricchi del mondo

Oxfam

I sei paesi più ricchi del mondo ospitano meno del 9% dei rifugiati su scala globale, mentre il
peso maggiore dell’accoglienza è sostenuto dai paesi più poveri.

I sei paesi più ricchi del mondo ospitano meno del 9% dei rifugiati su scala globale, mentre il peso maggiore dell’accoglienza è sostenuto dai paesi più poveri. Le economie più avanzate possono e devono fare molto di più per aiutare le persone in fuga da conflitti e violenze. (continua…)

Attualità » Commenti disabilitati

Italia senza immigrati? Case vuote, 35 mila classi e 450 mila imprese in meno

Il Censis e i numeri del modello di integrazione italiano che funziona. Avremmo il 20% di bambini nati in meno nell’ultimo anno, una scuola pubblica con 35 mila classi e 68 mila insegnanti in meno, saremmo senza 693 mila lavoratori domestici.

lavoro-immigrati

Il Censis fornisce i numeri del modello di integrazione italiano che funziona. Avremmo il 20% di bambini nati in meno nell’ultimo anno, una scuola pubblica con 35 mila classi e 68 mila insegnanti in meno, saremmo senza 693 mila lavoratori domestici. (continua…)

Attualità » Commenti disabilitati

La squadra olimpica dei rifugiati a Rio 2016

unhcr

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, accoglie con favore l’annuncio da parte del Comitato Olimpico Internazionale (COI) dei rifugiati che parteciperanno alle prossime Olimpiadi di Rio de Janeiro.

(continua…)

Attualità » Commenti disabilitati