Omicidio di un bracciante in Calabria – il comunicato dell’Unione Sindacale di Base

“È finita la pacchia”, la dottrina di Matteo Salvini, ha fatto scorrere il primo sangue in Calabria, il sangue di Soumaila Sacko, migrante maliano di 29 anni sempre in prima fila nelle lotte dell’Unione Sindacale di Base per i diritti sindacali e sociali dei braccianti. Soumaila è stato ucciso da una delle fucilate sparate da sconosciuti da una sessantina di metri di distanza. Un tiro al bersaglio – diversi i colpi esplosi –  contro “lo straniero”, il nero cattivo da rispedire nel paese d’origine. Il triste seguito delle parole pronunciate dal nuovo ministro di polizia.

Sacko Soumali, di 29 anni, il migrante maliano ucciso a San Calogero, Vibo Valentia.

 Soumaila è stato colpito alla testa ieri sera intorno alle 20,30 nei pressi di una fabbrica abbandonata lungo la Statale 18, in contrada Calimera di San Calogero, vicino Rosarno, al confine tra la provincia di Vibo quella di Reggio Calabria, mentre cercava lamiere per la sua baracca.

 Soccorso dal 118 e trasportato prima all’ospedale di Polistena e poi nel reparto di neurochirurgia dell’ospedale di Reggio Calabria, Soumaila non ce l’ha fatta, mentre è andata meglio a due connazionali che erano con lui, uno colpito a una gamba e l’altro illeso. Tutti e tre vivevano nell’area della tendopoli di San Ferdinando in cui soggiornano i braccianti impegnati nei campi nella piana di Gioia Tauro.

 Nella zona sono oltre 4000 i braccianti tutti migranti durante la stagione di raccolta, distribuiti in vari insediamenti e utilizzati come manodopera nella raccolta degli agrumi a basso costo dai produttori di arance, clementine e kiwi. La maggior parte si concentra a San Ferdinando dove permangono gravi carenze igienico sanitarie a livello abitativo. Tutto questo al ministro di polizia Salvini non interessa. Troppo impegnato a minacciare a destra e a manca: i migranti, le ong, il sindaco di Riace perché si schiera con gli ultimi. A Salvini l’Unione Sindacale di Base manda a dire che USB si schiera compatta con i migranti della piana di Gioia Tauro, con tutti i migranti in fuga da guerre e miseria, e non permetterà che in Italia abbia diritto di cittadinanza la sua dottrina neofascista e razzista. La prima risposta è lo sciopero dei braccianti proclamato da USB per lunedì 4 giugno, con assemblee in tutti i posti di lavoro. USB si stringe compatta alla famiglia di Soumaila e ai suoi compagni e fornirà loro l’assistenza legale per fare giustizia.

continua... »

lun, giugno 4 2018 » Solidarietà »

A Macerata si è trattato di terrorismo.

A Macerata una caccia all’immigrato a colpi di pistola

Un barbaro episodio  contro cui le forze democratiche

devono mobilitarsi

Dichiarazione di Francesca Chiavacci, presidente nazionale Arci

 

Una mattinata di terrore a Macerata per il raid razzista di un giovane, in passato candidato della Lega, che ha esploso diversi colpi di pistola contro sei persone di origine subsahariana, di cui due ferite gravemente, e contro una sede del Pd.  A tutti i colpiti va la nostra solidarietà.

Forza Nuova dichiara apertamente il suo plauso, mentre il segretario della Lega Salvini, dopo una generica condanna di “ogni episodio illegale”, non può fare a meno di trovare una giustificazione allo sconsiderato atto di violenza attribuendolo alla rabbia per “l’invasione di immigrati” che non viene fermata. Ma speculare sulle paure, diffondere a piene mani discorsi d’odio contro le persone di origine straniera non può che portare a queste conseguenze.

Non si tratta infatti di un episodio isolato. Basta andare con la memoria a quanto successe a Firenze nel 2011, a Fermo, nelle campagne calabresi, a Castelvolturno: una violenza brutale contro persone inermi, la cui unica “colpa” è stata quella di cercare un futuro migliore nel nostro paese.

Bisogna fermare questa spirale d’odio prima che sia troppo tardi. Serve una condanna unanime, unita a una grande mobilitazione, innanzitutto culturale, per denunciare chi sull’uso disinvolto del razzismo ha costruito le proprie fortune politiche e fare in modo che sulle paure ingiustificate prevalga il senso di umanità e civiltà.

 

Roma, 3 febbraio 2018

continua... »

mer, febbraio 7 2018 » Attualità, Solidarietà »

Tra Me a Radio MBun! Siamo andati in onda sulla celebre web radio torinese!

Ieri, mercoledì 17 maggio, è andata in onda l’intervista che Radio MBun ha fatto alla nostra presidente Odilia Negro!

Durante il programma ‘1001 Storie’ abbiamo avuto la possibilità di parlare di Tra Me, di migranti, integrazione e buone pratiche di accoglienza, delle nostre attività e di ciò che facciamo sul territorio, le opportunità che diamo con il progetto di accoglienza Altra Meta e con Tra Me Ragazzi.

Ascoltaci in podcast al link https://soundcloud.com/la-condosiun-mbun/1001-storie-2×58-odilia-negro !

 

continua... »

gio, maggio 18 2017 » Solidarietà »

Il Comitato Pace e Cooperazione organizza la ‘Fiaccolata per la pace’

Mag ’17
19
20:30

Il Comitato Pace e Cooperazione di Chieri organizza venerdì 19 maggio la ‘Fiaccolata per la Pace’, un evento per manifestare contro la guerra e per esprimere solidarietà nei confronti delle vittime innocenti. Con il patrocinio del comune di Chieri, la fiaccolata sarà anche un’occasione di incontro, confronto e dialogo sui temi dei diritti e dell’uguaglianza.

Fiaccolata per la Pace

continua... »

mer, maggio 17 2017 » Incontri, Luogo di cultura, Solidarietà » Commenti disabilitati su Il Comitato Pace e Cooperazione organizza la ‘Fiaccolata per la pace’

I ringraziamenti agli operatori di Tra Me e al progetto di accoglienza Altra Meta.

Buongiorno,
Desidero tramite questa lettera esprimere con tutto il mio cuore miei ringraziamenti e la mia gratitudine per l’accoglienza ricevuta, per la disponibilità degli operatori e per la vostra collaborazione durante il mio percorso a TRAME Carmagnola.
Vorrei essere riconoscente anche allo Stato Italiano per tutto ciò che sta facendo per i rifugiati.
Ho imparato che le persone possono dimenticare ciò che hai detto, le persone possono dimenticare ciò che hai fatto, ma le persone non dimenticheranno mai come le hai fatte sentire.
Vi auguro che un tale progetto prosegua per poter avere la possibilità per aiutare altre persone. Dio vi benedica.

Vi proponiamo la lettera inviataci da un beneficiario che ha terminato il suo percorso nel nostro progetto di accoglienza Altra Meta:

altrameta

“Buongiorno,

Desidero tramite questa lettera esprimere con tutto il mio cuore miei ringraziamenti e la mia gratitudine per l’accoglienza ricevuta, per la disponibilità degli operatori e per la vostra collaborazione durante il mio percorso a Tra Me Carmagnola.

Vorrei essere riconoscente anche allo Stato Italiano per tutto ciò che sta facendo per i rifugiati.

Ho imparato che le persone possono dimenticare ciò che hai detto, le persone possono dimenticare ciò che hai fatto, ma le persone non dimenticheranno mai come le hai fatte sentire.

Vi auguro che un tale progetto prosegua per poter avere la possibilità per aiutare altre persone. Dio vi benedica.”

Un esempio di buona integrazione che ci inorgoglisce, ci fa capire che la strada intrapresa è quella giusta e ci spinge a migliorare sempre di più il nostro lavoro.

continua... »

mar, aprile 11 2017 » In evidenza, Solidarietà » Commenti disabilitati su I ringraziamenti agli operatori di Tra Me e al progetto di accoglienza Altra Meta.

Le buone pratiche dell’accoglienza tra Italia e Germania: Tra Me al Goethe Institut

Si è tenuto lunedì 12 dicembre presso il Goethe Institut di Torino l’evento intitolato “Voci del verbo accogliere. Sistemi e pratiche a confronto fra Italia e Germania”. goethe ins

L’incontro ha visto partecipare i protagonisti dell’accoglienza italiana e tedesca che si sono confrontati sui temi legati ai flussi migratori, alle politiche di gestione e assistenza dei richiedenti asilo, al lavoro delle istituzioni e di tutti gli organi che operano nel settore. Sono state evidenziate le buone pratiche messe in atto al di qua e al di là delle Alpi e si è analizzato il legame tra le amministrazioni pubbliche e gli enti gestori di progetti di accoglienza sul territorio.

L’Associazione Tra Me è stata invitata, in qualità di ente gestore, dalla Prefettura di Torino a partecipare a questo importante evento, in quanto esempio virtuoso per quanto riguarda il lavoro di accoglienza dei migranti richiedenti asilo.

Con: Hendrikje Blandow-Schlegel (Flüchtlingshilfe Harvestehude e Parlamento di Amburgo), Fosca Nomis (Save the Children Italia), Hans-Jürgen Oster (Coordinatore per i profughi, Città di Colonia), Ferruccio Pastore (FIERI), Irene Ponzo (FIERI), Anselm Sprandel (Coordinatore per i profughi, Città di Amburgo), Sonia Schellino (Assessora alle Politiche sociali, Città di Torino), Marcella Rodino (Pastorale migranti e ASAI), Berthin Nzonza (Presidente Associazione MOSAICO), Donatella Giunti (Prefettura di Torino).
Modera: Michael Braun (die tageszeitung)
Sono intervenuti: Hendrikje Blandow-Schlegel (Presidente di Flüchtlingshilfe Harvestehude (https://www.fluechtlingshilfe-harvestehude.de/), ente che si occupa di accoglienza all’interno della città di Amburgo e Parlamento di Amburgo), Fosca Nomis (Save the Children Italia), Hans-Jürgen Oster (Coordinatore per i profughi, Città di Colonia), Ferruccio Pastore (FIERI), Irene Ponzo (FIERI), Anselm Sprandel (Coordinatore per i profughi, Città di Amburgo), Sonia Schellino (Assessora alle Politiche sociali, Città di Torino), Marcella Rodino (Pastorale migranti e ASAI), Berthin Nzonza (Presidente Associazione MOSAICO), Donatella Giunti (Prefettura di Torino).
Ha moderato l’incontro: Michael Braun (die tageszeitung)

continua... »

gio, dicembre 15 2016 » Solidarietà » Commenti disabilitati su Le buone pratiche dell’accoglienza tra Italia e Germania: Tra Me al Goethe Institut

Tra Me sostiene il Banco Alimentare!

Il Banco Alimentare del Piemonte ha ricevuto il supporto di alcuni ragazzi richiedenti asilo, beneficiari del progetto Altra Meta di Chieri, in occasione della Colletta Alimentare del 2016!

Rendersi utili per fare del bene a chi ne ha bisogno: un concetto che i ragazzi, consapevoli del bene ricevuto da chi li ospita nella loro nuova casa italiana, comprendono bene e, per questo motivo, sono in prima fila per mettersi in gioco aiutando chi, come loro, necessita di un sostegno.

WhatsApp Image 2016-12-01 at 10.47.33

WhatsApp Image 2016-12-01 at 10.47.22

WhatsApp Image 2016-12-01 at 10.47.20

WhatsApp Image 2016-12-01 at 10.47.10

WhatsApp Image 2016-12-01 at 10.46.28

WhatsApp Image 2016-12-01 at 10.46.28 (1)

continua... »

gio, dicembre 1 2016 » Fotogallery, Solidarietà » Commenti disabilitati su Tra Me sostiene il Banco Alimentare!

Facciamo comunità nel momento del bisogno!

L’alluvione della scorsa settimana a Carignano ha causato danni ad abitazioni e aziende del paese, creando disagi per la popolazione delle zone colpite. L’esondazione del Po ha sommerso le strutture del Lago Arenile e, arrivando a lambire le case di regione Garavella e la sede del Circolo Arci Nuova Armonia.

armonia

L’acqua, arrivata quasi a ridosso del centro cittadino, ha colpito tutta la comunità ed è stata l’occasione per tutti di fare squadra nel momento del bisogno; nuovi e vecchi cittadini si sono riuniti per lavorare insieme nel tentativo di arginare il più possibile l’emergenza.

circonvallazione

Gli ospiti del progetto Altra Meta hanno partecipato ai lavori di pulizia di case, cantine, capannoni e strutture nei giorni successivi alla piena, sostenendo i cittadini e i proprietari delle aziende in un momento di grave emergenza.

Armonia all
Armonia alluvione

WhatsApp Image 2016-12-01 at 09.36.13

WhatsApp Image 2016-12-01 at 09.36.36

WhatsApp Image 2016-12-01 at 09.37.04

WhatsApp Image 2016-12-01 at 09.37.26

WhatsApp Image 2016-12-01 at 09.37.20

continua... »

gio, dicembre 1 2016 » Fotogallery, Solidarietà »

“Diritto e Castigo” – a Chieri si chiude il ciclo di incontri sul’accoglienza

Ott ’16
27
21:00

“La Guerra che distrugge – le origini delle migrazioni: conflitti, ambiente…”, questo il titolo dell’ultimo appuntamento del ciclo di incontri “Diritto e Castigo – Richiedenti Asilo: dall’accoglienza alle…spese militari”, realizzato da Tra Me in collaborazione con il Comitato Pace e Cooperazione e il Comune di Chieri.

Diritto e Castigo

Interverranno all’evento Elena Camino del Centro Studi Sereno Regis di Torino e Vanessa Maher, antropologa.

Appuntamento presso l’Area Caselli – Salone Patchanka – Piazza Caselli 19, Chieri.

continua... »

ven, ottobre 21 2016 » Luogo di cultura, Solidarietà » Commenti disabilitati su “Diritto e Castigo” – a Chieri si chiude il ciclo di incontri sul’accoglienza

Progetto di accoglienza migranti a Castagneto Po

Ott ’16
19
19:00

Mercoledì 19 ottobre, alle ore 19.00 presso la Sala Consiliare del Comune di Castagneto Po, verrà presentato il progetto di accoglienza migranti che l’Associazione Tra Me gestisce in collaborazione con la Prefettura di Torino e la parrocchia di Castagneto Po.Logo-Castagneto-ridotto_005 (more…)

continua... »

lun, ottobre 17 2016 » Luogo di cultura, Solidarietà » Commenti disabilitati su Progetto di accoglienza migranti a Castagneto Po